Terni, colpisce una coetanea con un pugno. La madre: «Punita per il crocefisso»

20150515 11425471

TERNI – Colpita davanti alla madre da un coetaneo senegalese perché indossava una collanina con una crocifisso. Almeno questa è la versione fornita dagli investigatori.

L'aggressione è avvenuta ieri pomeriggio davanti a una scuola di Terni durante l’uscita degli studenti. Ad avere la peggio una ragazzina di 12 anni che ha riportato una contusione toracica guaribile in venti giorni.

La dinamica Sarebbe avvenuta per motivi religiosi l'aggressione subita dalla dodicenne con indosso un crocifisso, da parte di un coetaneo di origine africana: è quanto affermano i carabinieri che si occupano della vicenda. All'uscita dalla scuola il giovane, in base a quanto riferito, prima di sferrare un pugno alla schiena della compagna di classe, le avrebbe urlato alcune frasi di minaccia, anche di morte, dicendole che il crocifisso gli dava fastidio e non lo doveva portare.

Gli studenti coinvolti Il dodicenne è stato subito bloccato dalla mamma della coetanea, che stava uscendo dalla scuola con la figlia mano nella mano. All'aggressione avrebbero assistito altri compagni di scuola. Sono stati poi i genitori della ragazzina a segnalare l'episodio ai militari, che non sono intervenuti direttamente sul posto. Non è stata comunque presentata ancora alcuna denuncia formale da parte dei genitori della ragazzina. Quest'ultima - in base a quanto si apprende - è ancora scioccata per l'accaduto e avrebbe paura a tornare a scuola. Il ragazzino è appena in Italia, avrebbe difficoltà di inserimento e stava a scuola per imparare l'italiano in vista dell'iscrizione al prossimo anno scolastico.

L'attacco della Meloni: vai a vivere da un'altra parte «A casa nostra neanche i nostri figli sono più al sicuro rispetto all'intolleranza di chi pensa di venire in Italia e imporci la propria ideologia. Non ti piace il crocifisso? Vai a vivere da un'altra parte»: lo scrive sul proprio profilo facebook il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, in merito all'aggressione subìta da una dodicenne di Terni da parte di un coetaneo straniero. «Sono questi gli episodi - scrive la Meloni - che ci fanno comprendere quanto odio venga trasmesso anche ai più piccoli».

Il Comune di Terni: solo una lite tra ragazzini «È un episodio molto grave, ma cerchiamo di non strumentalizzarlo, succede chissà quante volte che i ragazzi tra di loro litighino senza che si venga a sapere nulla»: così l'assessore alla Scuola del Comune di Terni, Carla Riccardi, commenta l'aggressione subìta dalla dodicenne. «Ho parlato con la vicepreside dell'istituto - spiega - e mi ha spiegato che la scuola non ha ritenuto necessario informarci della cosa nè credo lo abbiano fatto con l'Ufficio scolastico, ritenendola una lite tra ragazzini».

Source:www.ilmessaggero.it

 

About the Author

TEG

Add comment
  • No comments found